IMPORTANTE: A causa della grande mole di richieste, seleziono gli autori e le autrici con cui lavorare. Per candidarti a lavorare con me, compila il form relativo al servizio di tuo interesse, allegando il tuo manoscritto. Riceverai al più presto l’esito della candidatura, con preventivo specifico per le tue esigenze. 

Coltiva il tuo contenuto e poi lascialo andare
lasciati andare nella scrittura creativa

Il coraggio di lasciarsi andare… nella scrittura e oltre!

«Oggi voglio parlarvi di un argomento che mi sta molto a cuore…»

Ok, volevo iniziare questo nuovo articolo così, ma forse fa un po’ troppo “stile epistolare”, lettera d’altri tempi, sermone morale alla Seneca, per intenderci.
E con quest’aria di primavera che porta con sé profumi, caldo, allergie, allucinazioni da troppa luce solare e insopprimibili moniti a rimettersi in forma, proprio non mi sembra il caso! 😀


Ma qual è allora l’argomento a me così caro di cui vorrei parlarvi?

La paura di lasciarsi andare.

Eh sì, sempre lei, quell’ansia e insicurezza congenite che a volte ci frenano per paura di sbagliare, di non essere all’altezza o per timore dei giudizi altrui. La paura di lasciarsi andare, però applicata alla scrittura. 

Chi scrive, per dovere o piacere – e, quando si parla di scrittura, dovere e piacere non possono più dirsi due elementi distinti! – sa che c’è qualcosa di molto intimo e particolare nel rapporto tra se stessi e il testo.
Certo, non sempre questo “legame” io-testo è così potente e profondo. Sicuramente uno scritto doveroso eseguito per lavoro, un’email professionale o un contenuto non eccessivamente stimolante è avvertito come più semplice da “lasciare andare”.
Eppure ogni volta che componiamo un testo, lo curiamo e coltiviamo amorevolmente come una nostra “creatura”, si crea una vicinanza particolare che spesso ci rende al contempo orgogliosi e tristi di abbandonarlo.

Succede con i libri, succede con i figli. Beh, secondo me accade anche per i nostri contenuti: dopo averli visti nascere, crescere e muovere i primi passi da soli, è dura lasciarli andare. 

Premere quel tasto “Pubblica” equivale a lanciarli soli per il vasto mondo, senza la nostra mano che li conduce, la nostra penna che li rivede, e, soprattutto, senza noi pronti a difenderli o giustificarli agli occhi altrui.
Pubblicare sul web rende ciò che scriviamo potenzialmente fruibile a chiunque.
Potrebbero leggervi dall’altra parte del mondo, potreste parlare a qualcuno che, in quel momento, vive una situazione diametralmente opposta alla vostra.
Capirà ciò che volevamo dire? Cosa ne penserà? Oppure, ancora peggio, non lo comprenderà o lo ignorerà senza soffermarcisi, rendendo vano il nostro desiderio di condivisione?

Prima della paura del giudizio altrui, dell’ansia di buttarsi, dell’uscire dalla nostra zona sicura, c’è un timore più sottile: quello di non ritenere il testo ancora “pronto”.
Quand’è che possiamo considerare la nostra creazione matura abbastanza per andare in motorino da sola?
Possiamo mandarla in discoteca o al pub, o è sempre presto?
Non vorremmo farle bruciare le tappe! Potrebbe -e potremmo- rimanerne scottati…

Però una delle mie 3 parole per quest’anno era, lo ricordo, “Consapevolezza“, e consapevolezza significa avere anche una capacità di autocritica costruttiva e realistica, non eccessivamente severa né indulgente. 
Sembra facile, ma sappiamo che non è così. 
Spesso con noi stessi e il frutto del nostro lavoro/passione non siamo obiettivi, tendiamo a essere troppo duri, o a volte a giustificare troppo le nostre mancanze. 
Non è facile, come credo non lo sia quando dobbiamo giudicare un figlio, la nostra creatura a cui vogliamo immensamente bene e da cui, allo stesso tempo, ci aspettiamo sempre il massimo. 

trovare coraggio di esprimersi

È forse un paragone troppo azzardato?

Eppure il nostro testo, contenuto web, racconto, romanzo, riflessione personale è qualcosa di intimamente connesso a noi, alla parte più profonda della nostra personalità, che sfiora le corde della sensibilità (e in particolar modo della sensibilità artistica), dell’emotività e dell’intelligenza. 
Vi riversiamo impegno, “ispirazione”, conoscenze e quel qualcosa di noi unico che… chissà cos’è? È qualcosa che costantemente cambia e rimane sempre uguale, è l’essenza stessa di noi, che a volte sfugge a noi medesimi. 
Eppure traspare, tramite la scrittura noi la leggiamo, anche se a volte non la comprendiamo fino in fondo. 

Magari sarà più chiaro a vederla scritta nero su bianco, o forse la comprenderanno quelle persone così distanti da noi, ubicate dall’altra parte del mondo. 

Però bisogna avere il coraggio di lasciarsi andare. Lasciar andare ogni remora e scrivere, esprimersi e condividere il frutto del nostro impegno con gli altri. 
Esporlo al giudizio altrui è ciò che ci permetterà di capire, finalmente, se era giusto spingersi fino a questo punto. 
Bisogna un po’ osare, in fondo, no? Consapevolmente, ma osare. 

Solo così potremmo avere una più concreta speranza di veder realizzato il nostro sogno, o quel progetto che covavamo nel cassetto e graffiava la porta perché lo lasciassimo uscire. 

Ognuno di noi coltiva dentro di sé un meraviglioso giardino d’emozioni e pensieri.
Non tenetene chiusi i cancelli: anche da fuori se ne sentono i profumi e il mondo è così curioso di assaporarli…

Può interessarti anche

Atelier della Scrittura

La palestra creativa per aspiranti autori.

già te ne vai?

Non perderti il mio webinar gratuito "Ritrova la Fiducia in te". Accedi ora compilando il form.